Calcio: prima il dovere e poi il piacere